Da sinistra, Giuseppe Torrini, Antonini e Paolo Di Palma

Da sinistra, Giuseppe Torrini, Antonini e Paolo Di Palma