L’Havana 29 Gennaio 2018Nuova seduta operatoria a Cuba con una fantastica giornata di chirurgia dedicata all’implantologia Protesica Peniena.
Con la tecnica mini-invasiva siamo riusciti ad espiantare una protesi Peniena mal posizionata che determinava nel paziente un forte dolore e l’impossibilità di utilizzarla. Abbiamo quindi reimpiantato una nuova protesi idraulica di ultima generazione.

Con i colleghi urologi cubani abbiamo creato un centro medico per il benessere sessuale maschile che crediamo possa diventare nel tempo un riferimento internazionale per tutti i problemi legati alla disfunzione erettile. La mia è una missione umanitaria sarò impegnato ad insegnare ed a formare chirurgicamente i colleghi sulla tecnica mini invasiva di impianto di protesi peniena. I pazienti arrivano da tutte le parti del mondo e vengono assistiti durante tutta la loro permanenza. Il problema viene inquadrato clinicamente e risolto con le terapie mediche più avanzate. Quando queste non trovano l’indicazione viene proposta la soluzione chirurgica che in circa 20 minuti, con l’impianto di un dispositivo invisibile ad occhio nudo permette a qualsiasi uomo di qualsiasi età di avere una nuova giovinezza sessuale.

Quando si pensa ad un progetto di così alta specializzazione e competenza, in grado di cambiare completamente e per sempre la qualità della vita di centinaia di migliaia di uomini provenienti da tutto il mondo, “si può solo pensare di realizzarlo a Cuba. Sono più di cinquant’anni che questo Paese – sottolinea Antonini – mette a disposizione dei popoli in difficoltà, affetti da emergenze sanitarie, tutta la sua capacità medica, chirurgica, infermieristica, umana, e tutta la sua tradizione medico-sanitaria di grande qualità. Lo fa e lo ha sempre fatto come nessun altro Paese al mondo”.