Espianto e reimpianto protesi Peniena

La protesi peniena è un dispositivo medico che si impianta mediante procedura chirurgica in pazienti con deficit erettile di tipo organico, di diversa origine, non suscettibile di terapia farmacologia. Le protesi possono essere inoltre utilizzate per correggere anomalie congenite o acquisite del pene, quali deviazioni o malattia di La Peyronie.

L’impianto non modifica lo stato di turgore del glande, la sensibilità peniena e l’orgasmo, che pertanto rimangono immodificati dall’intervento chirurgico.

Quando è indicata una protesi peniena?

Nei casi in cui la disfunzione erettile non risponde alla terapia orale o nel caso in cui la terapia orale sia controindicata o insoddisfacente; nei casi in cui la Farmacoprotesi intracavernosa (con iniezioni intracavernose con Prostaglandine) non risulti efficace o di non facile esecuzione per il paziente;
Nel caso di malformazioni del pene come gli incurvamenti del pene da Malattia di La Peyronie o Induratio Penis Plastica associati a disfunzione erettile (l’impianto di una protesi peniena consente

con un unico intervento di raddrizzare il pene garantendo la rigidità idonea alla penetrazione e ad un rapporto sessuale soddisfacente);
Nel caso di fibrosi diffusa dei corpi cavernosi in conseguenza di infezioni, priapismo, uso prolungato di iniezioni intracavernose;
Dopo interventi di interventi demolitivi a livello della pelvi come la prostatectomia radicale, la cistectomia radicale, interventi sul colon-retto, interventi per aneurisma aortico addominale in cui la Disfunzione Erettile è una conseguenza inevitabile e quasi sempre non responsiva all’uso di farmaci per via orale o intracavernosi;
Dopo radioterapia per cancro prostatico o altre patologie della pelvi;
In pazienti con lesioni del Midollo Spinale non responsivi alla terapia orale, o nei quali sia disagevole la terapia con iniezioni intracavernose o con vacuum device.

Le complicanze principali sono le infezioni di protesi, i guasti meccanici. L’espianto ed il reimpianto di una protesi peniena richiede una grandissima esperienza e non può essere gestita da mani inesperte.